Immagine coordinata: coerenza e identità dell’arte tipografica

Shares

È da un po’ di tempo che mi interesso al modo in cui aziende, esercizi commerciali e professionisti si adoperano per promuovere se stessi e le proprie competenze. L’era dei social, con cui ogni giorno abbiamo a che fare, ci impone una certa deferenza, in tema di promozione, rispetto ad alcune principali piattaforme social: Facebook, Twitter e Instagram.

Tuttavia c’è dell’atro. Non bisogna infatti sottovalutare il potere del materiale cartaceo prodotto dalla tipografia che, a quanto pare riesce ancora a mantenere vivo l’interesse in termini di pubblicità e promozione di se stessi: biglietti da visita, carta intestata, busta da lettera ecc. Tutto questo fa parte del materiale che costituisce l’essenza del coordinato aziendale.

Ma cos’è l’immagine coordinata? Se un’azienda viene riconosciuta attraverso un marchio, logo o simbolo, di conseguenza verrà riconosciuta con maggior attenzione dai potenziali clienti. Il consumatore desidera infatti identificarsi con il produttore, ama riconoscersi in quell’entità. Si aspetta coerenza semiotica: in linea di massima si lascia persuadere dall’immagine coordinata e dal suo design. L’immagine coordinata è meglio conosciuta con il termine inglese Brand Identity.

Continui punti di riferimento, come logo grafica e tonalità, inducono infatti lo stesso consumatore a riconoscere (e riconoscersi) l’azienda e il brand. Decisivi in questo processo sono gli elementi coordinati come la modulistica di base, che di base sono sempre: biglietto da visita, carta intestata, busta da lettera. E ancora la modulistica amministrativa, manuale/normativa e la segnaletica. È dunque fondamentale, per farsi riconoscere nella giungla del mercato, affidarsi non solo alla tanto utilizzata pubblicità sui social, ma anche a quella cartacea prodotta dalle tipografie.

Una delle realtà che ho conosciuto in questi ultimi mesi, consolidata sul mercato, è Stampepress. Ottima per la produzione e la stampa di materiale di comunicazione e soprattutto per la stampa del coordinato aziendale. Il catalogo online offre un saggio delle capacità tipografiche in linea con le direttive che il coordinato aziendale impone.

A tal proposito voglio proporvi il pensiero di Federico Pastore, Sales Manager di Stampepress, il quale ha raccontato la sua esperienza dopo l’ultima convention di settore a Milano:

“L’atteggiamento del consumatore è in continua evoluzione. La nostra tipografia sta investendo energie e risorse nella produzione di materiale secondo le linee del coordinato aziendale, uno strumento del marketing sempre più utilizzato da piccole e medie imprese”.