Instagram Stories: il clone di Snapchat senza alcuna pietà

Shares

Bene! Ieri è giunta la notizia riguardo all’introduzione di questo “nuovissimo” strumento di Instagram, chiamato Instagram Stories, anche se io l’avrei chiamato direttamente Snapgram o Instasnap, insomma binomi simili.

C’è da dire che la funzionalità non è ancora stata implementata proprio a tutti, ci sono ancora molti profili che stanno ancora alla vecchia versione di Instagram, quella per cui era nato e conosciuto, per le foto… ma vabbè, di questo ne parliamo dopo. Cerchiamo di capire cos’è Instagram Stories e cosa fa.

Come avrai potuto intuire, se già conosci Snapchat è praticamente la stessa identica cosa. Si basa sulla pubblicazione di video della durata di 24h che poi si autodistruggono. Questa peculiarità era stata lanciata da Snapchat, da cui ne ha tratto la popolarità che, almeno fino ad oggi, ha riscosso. Ora, il buon Zuckerberg, ha deciso che era il momento di giocare, come sempre, e quindi eccolo qui insieme al suo team a creare un prodotto che è copiato dalla A alla Z, insomma siamo davanti a un vero e proprio clone.

Come ho accennato sulla mia pagina Facebook su, si tratta di un vero e proprio CTRL+C e poi CTRL+V, per gli appassionati della mela come me cmd+c e cmd+v, ma questo cambia davvero poco 😀

Purtroppo, e dico purtroppo, al caro Mark piace giocare un po’ a Monopoly, visto che sta comprando tutto perché non prendersi anche Snapchat?! Ah, no! Ricordiamo che il fondatore di Snapchat, Evan Spiegel, rifiutò di vendere la sua applicazione di messaggistica per ben 3 miliardi di dollari! E quindi, come dice la mia collega Ornella Presenti: “[] Tutti quei billions messi sul piatto e pensi che mark non faccia ctrlc ctrlv se non “gliela dai”?” – Beh, in effetti è stato proprio così, Zuck non ci ha messo poi così tanto ad agire diversamente.

Ecco che ora siamo di fronte a uno scenario un po’ apocalittico e un po’ distruttivo. Apocalittico perché (secondo il mio parere) Instagram è un social che è nato per i post, per le foto principalmente e poi per i video. Credo che questa mania di dover sempre essere sulla cresta dell’onda e macinare business da ogni cosa debba un po’ attenuarsi. Caro Zuckerberg hai fondato il social network più famoso del mondo e non ti è bastato, ti sei comprato WhatsApp e non ti è bastato, hai comprato Instagram e ora lo stai trasformando in Snapchat, “distruggendo” un’app sul crescere. Tra un po’ comprerai l’intero pianeta e noi saremo i tuoi burattini?

instagram-stories-screen

 

Instagram Stories VS Snapchat: differenze

Le differenze più grandi tra Instagram Stories e Snapchat sono:

  • la possibilità di ricercare chiunque su Instagram, senza dover necessariamente utilizzare l’username. Caratteristica che secondo me ha giovato a Snapchat, perché gli ha permesso di farsi fare pubblicità direttamente dagli utenti, infatti molti Instagrammers, blogger e social addicted hanno il proprio username nelle bio, sui link più in evidenza, sui blog ecc. Pensaci un po’, questa non è strategia secondo te?
  • di conseguenza su Instagram è possibile vedere le storie di chiunque anche senza dover necessariamente seguire quel determinato profilo
  • le views di Instagram saranno probabilmente, per il 90% degli utenti, molto più alte di quelle di Snapchat. Prendo in esempio il mio caso. Su Snapchat raggiungo le 280 views max in 24h e lo uso da un po’ di tempo, anche se non quanto Instagram (lo ammetto, ma non è una novità :D); su Instagram Stories questa mattina ho postato una foto e dopo 30 minuti era a 400 views. Questo permetterà sicuramente di avere una maggiore quantità di analytics per l’Instagram marketing.
  • Snapchat per il momento presiede ancora la peculiarità dei filtri del viso/selfie, che gli hanno permesso di svilupparsi e crescere molto. Ricordo ancora gente che dopo aver visto alcuni selfie con le strane facce di Snap, subito dopo due secondi era sull’app store a scaricarla solo per il gusto di fare quei selfie con quelle fregatissime buffe facce che, diciamo la verità, hanno avuto del virale
  • attualmente non è neanche possibile inviarsi video messaggi tramite utenti in privato, ma solo rispondere alle Stories con un messaggio, cliccando dal basso su “Invia messaggio”. Proprio come Snapchat, copiato nel dettaglio!
  • la possibilità di scegliere a chi far vedere le stories dà a Instagram una marcia in più! Direttamente dalle impostazioni di Instagram è possibile, infatti, scegliere chi escludere dalla visualizzazione delle stories. Inoltre è anche possibile scegliere chi può risponderti ai messaggi, ma questo è fattibile anche su Snapchat

instagram-stories-impostazioni-

 

Il CEO di Instagram, Kevin Systrom

Instagram's Kevin Systrom And Jamie Oliver Host Their Second Annual Private Party - ArrivalsPer ora credo che le più grandi differenze siano queste, probabilmente me ne sarà sfuggita qualcuna, ma non è questa la cosa importante. Ce n’è un’altra che è quasi “agghiacciante”, e cioè la risposta del CEO di Instagram, il quale ammette proprio di aver copiato da Snapchat e ne dà tutto il merito, e a detta di questo articolo sarebbe la prima volta che qualcuno ammette di aver copiato qualcun altro!

Ma d’altronde si sa, tutti i grandi hanno saputo copiare, però mettendoci in mezzo del proprio. Ora staremo a vedere quali saranno le prossime novità che subentreranno in questa nuova funzionalità e se si avvicinerà ancora di più a Snapchat.

Ricordo ancora che, per ora, mancano i filtri per i selfie, quelli che hanno reso Snapchat l’app di messaggistica autodistruttiva più famoso dei nostri tempi 😀

Sarà la volta che le foto su Instagram perderanno ancora di più il loro significato? Speriamo proprio di no! 🙁