L’università: lunga e costosa sosta

Shares

Università

Ogni ragazzo (o quasi) arriva ad un punto della sua vita in cui deve       affrontare una scelta, quella del postdiploma. Ormai si è arrivati ad un punto in cui molti giovani “tentano” di proseguire gli studi con molti “se“, con molti “ma“, senza pero rinunciarvici.

Uno dei modelli più frequenti che sta spopolando tra i giovani italiani è quello della superficialità e del disinteresse con cui si affronta una scelta    così importante che riguarda il proprio futuro. L’università è diventata un luogo in cui, dopo il diploma, ci si rifugia, come una sorta di parcheggio della vita in cui si fa una lunga e costosa “sosta“. In molti casi l'”oggetto” su cui puntare il dito non sono sempre i ragazzi, ma, spesso e volentieri sono i genitori, che con il loro essere “accomodanti“, inconsciamente non si rendono conto dell’enorme errore che compiono continuando a pagare fiumi di tasse e, nella maggior parte dei casi, anche affitti con prezzi da capogiro mentre i propri figli se ne stanno a divertirsi e a girovagare, visitando i bei posti delle città in cui si trovano, senza pensieri.