Amsterdam in 4 giorni: un piccolo sogno che si realizza

Shares

Probabilmente chi mi segue sui social, sa che Amsterdam è da un po’ di anni una delle mie mete da sogno, la città che in 4 giorni ho deciso di visitare e raccontare attraverso i miei canali social.

Non per niente l’immagine principale della mia pagina Facebook mi vede in presenza di un mac e tre mappe, Lecce, Roma e Amsterdam. 3 città che hanno un’importanza, nonché passato, presente e, chi lo sa, un ipotetico futuro.

E dopo aver visto Amsterdam in 4 giorni cosa mi sarà frullato in mente? 

Amsterdam è proprio così, bella, come la descrivono. E posso dire che, se ci si organizza bene, è possibile vedere molte cose in 4 giorni.

Io sono atterrato nel primo pomeriggio di sabato scorso, 25 marzo, e già in questa mezza giornata ho visitato gran parte della città! Con il mio compagno di viaggio, Francesco, su Instagram lo conoscerete come @ch_ecco abbiamo subito affrettato il passo, perché eravamo davvero affamati di questa città e volevamo scoprirla il più possibile in soli 4 giorni a disposizione.

Dopo essere atterrati a Rotterdam e dopo un bus e un treno, arriviamo a destinazione, Amsterdam Centraal, fortuna che a soli due passi c’era già la parte che poi, fotograficamente, è una di quelle che si presta di più per degli scatti memorabili, rappresentata dalla seconda foto che vedi su, chiamata Stromma Damrak e da cui ho fotografato anche il campanile della “De Oude Kerk“.

Anche il nostro mitico Hotel The Exchange era lì vicino, quindi valigie depositate in camera e si parte! 🏃🏻🎒📷

L’hotel da lì a poco sarebbe diventato il nostro domicilio per 4 giorni 😂

Si parte da una zona abbastanza affollata, appunto, quella della stazione. In questa zona credo ci sia un’altissima concentrazione di locali, negozi e posti in cui mangiare e bere qualsiasi cosa. Oltre ai posti che si possono associare solo ad Amsterdam… 😏 devo farti proprio i nomi? 😂 Ci siamo capiti dai 🔴🍄

Ribadisco che la zona che mi ha colpito di più è sicuramente la parte più vicina alla stazione, da cui si può accedere passando da Oudebrugsteeg o per uno dei tanti altri vicoli che porta all’interno dei Centrum.

Amsterdam si estende, in parte, a mo’ di ragnatela 🕸 infatti, se vedi la mappa, te ne renderai conto. Ed è uno dei motivi per cui, nonostante i numerosi canali, ci si può orientare molto bene. Purtroppo o per fortuna, questo ancora non l’abbiamo capito, abbiamo beccato 4 giornate di sole a palla con annesso cielo azzurrissimo (che ad Amsterdam sono rare), senza neanche una nuvola.

Una luce del genere ha reso molto difficile scattare foto, soprattutto perché fino alle 18 il sole era ancora molto alto e con il cambio dell’ora avvenuto giusto il giorno del mio compleanno, che quest’anno è durato solo 23 ore 🎂☺️ ma ad Amsterdam sono sembrate molte di più 😆

Tra i tantissimi consigli che ho ricevuto da chi ad Amsterdam già c’era stato sono riuscito a seguirne solo alcuni, ma sono stati super utili, perché abbiamo “bypassato” alcuni punti meno interessanti per dare priorità alle cose più “fighe” da vedere e fotografare. Tra queste sicuramente il quartiere Joordan e il Begjinhof.

Il Rijksmuseum, dove c’è la famosissima scritta “I AMSTERDAM”, un must.

Poi ancora Nemo, il museo della scienza dall’architettura ultra moderna, progettato dall’architetto italiano Renzo Piano. Situato nei pressi della stazione, e molto vicino anche al The Eye, museo del cinema, raggiungibile prendendo gratuitamente un piccolo traghetto che passa con molta frequenza, a cui ci si arriva passando sotto una sorta di galleria. Nella zona del The Eye regna la pace, perché si è abbastanza lontani dal caos della città.

E sempre in questa zona puoi trovare anche i cigni in acqua! 😍

Un altro posto molto turistico è sicuramente il mercato dei fiori di Amsterdam, un insieme di padiglioni o come si voglion chiamare, galleggianti nel canale.

Per quanto si voglia parlare di questa zona, effettivamente è da vedere perché è qualcosa di talmente distante dalla nostra cultura, che per forza rimarrai esterrefatto nel vederla con i tuoi occhi. Parlo della 🔴 zona a luci rosse 🔴, dove avrai già capito chi ci sarà. In questa zona ovviamente è vietato fotografare e consiglio di non provare a farlo. È un posto monitorato, c’è sempre qualcuno pronto a renderti qualche problema. Meglio evitarli, siamo in vacanza 😂

Decisamente non può mancare anche la visita a Zaanse Schans, un piccolo paese (?) di cui probabilmente avrai già sentito parlare o sicuramente avrai già visto. L’Olanda è famosa per i mulini a vento, ed eccoli qua 😍

Come arrivare a Zaanse: basta prendere un treno da Amsterdam Centraal in direzione Uitgeest e scendere alla fermata Zaanse, dovrebbe essere la quarta e ci mette circa 25 minuti. Il biglietto costa una decina di euro andata e ritorno, ma ne vale la pena! È un’oasi di pace e tranquillità, immersa nella natura e piena di animali.

E poi ancora, il museo di Van Gogh, Vondelpark, la casa di Anna Frank

Ah! Noi non abbiamo girato moltissimi posti per mangiare, perché abbiamo preferito sfruttare il tempo per vedere quante più cose possibili e mangiare ogni tanto un boccone al volo, però a Zaanse ci siamo fermati in un posto molto carino (forse sarà l’unico 😂).

Altri posti in cui abbiamo mangiato molto bene, con la qualità che trasudava dai piatti sono stati: Prins Heerlijk, vicino la stazione; Corner Bakery e poi per ogni evenienza c’è sempre il supermercato di fiducia Albert Heijn, lo riconosci dall’insegna azzurra ed è praticamente ovunque. Per un tè o un posto dove rilassarsi un attimo e fare una sosta c’è “Il Momento” dal nome italiano e dal contesto molto urban, centrale e semplice.

Poi è pieno di posti fighissimi ogni metro, quindi sarà difficile scegliere, sono tanti e hanno anche molto gusto nell’arredamento. Invece per i coffeshop posso consigliarti il 420, un posto molto tranquillo ed economico.

Sono anche tantissime le foto che ho scattato e non potrei metterle tutte in questo articolo! Molte le puoi trovare sulla pagina Facebook e sul mio profilo Instagram 😉 e molte altre anche su quello del mio compagno di viaggio, Checco! 🙂

Ti lascio con un post sulle 10 cose che ho imparato in 4 giorni ad Amsterdam:

Per qualsiasi consiglio o altro chiedi pure, lasciando un commento sotto al post! Ti risponderò con molto piacere e spero di poterti aiutare qualora avessi in progetto un viaggio in questa meravigliosa città! 😉

 

Elementi immagine in evidenza: Freepik.com